More stories

  • in

    Basket, Serie A: Cremona vince il derby con Varese, Trento passa a Pesaro

    ROMA – Netti successi di Cremona e Trento nei due anticipi della 4/a giornata di serie A di basket. La Vanoli si è imposta per 80-67 nel derby lombardo con Varese mentre la formazione di Brienza ha ottenuto il primo successo passando 57-71 a Pesaro. La sfida tra Cremona e Varese non ha avuto storia. I padroni di casa hanno preso un significativo vantaggio già dopo 3′ e lo hanno via via incrementato (fino al +18 al 37′) senza mai consentire ai rivali di rientrare in partita. Ottime, in particolare, le prove di TJ Williams (17 punti e 9 rimbalzi), Hommes (17 punti e 6 rimbalzi), Mian (15 punti) e Jarvis Williams (14 punti e 6 ribalzi). A Varese non sono bastati i 24 punti e 8 rimbalzi di Scola e i 18 punti di Strautins.Pesaro crolla nell’ultimo quarto contro TrentoTrento ha fatto la differenza con il tiro dalla lunga distanza (10/24 contro lo 0/4 dei padroni di casa). La squadra di Brienza è partita con il piede sull’acceleratore sospinta da Martin, Williams e Forray ed è volata sul +11 in avvio di secondo quarto. Pesaro a poco a poco ha ricucito lo strappo e, in avvio di ripresa (24′), trascinata da Zanotti e Robinson, si è riportata sotto (33-34). La formazione di Repesa ha resistito fino in avvio di ultimo periodo poi si è inceppata al tiro e ha consentito agli uomini di Brienza di volare indisturbati verso il successo. Ottime prove di Maye (17 punti) e Williams (15 punti e 8 rimbalzi). A Pesaro non sono serviti i 15 punti e 7 rimbalzi di Cain.CREMONA-VARESE 80-67(26-18, 47-33, 62-49)Cremona: Williams TJ 17, Trunic, Williams J. 14, Poeta 7, Mian 15, Lee 5, Cournooh 2, Palmi 3, Hommes 17, Donda. Allenatore: Galbiati.Varese: Morse 7, Scola 24, De Nicolao 4, Jakovics 3, Ruzzier 2, Andersson 2, Strautins 18, Ferrero 5, Douglas 2, Virginio ne. Allenatore: Bulleri.Arbitri: Martolini – Borgioni – Capotorto.Note – Tiri liberi: Cremona 10/15, Varese 10/12. Usciti per cinque falli: nessuno.PESARO-TRENTO 57-71(8-16, 24-31, 47-53)Pesaro: Massenat 6, Filloy 3, Cain 15, Robinson 7, Tambone 7, Basso ne, Serpilli ne, Filipovity 7, Zanotti 5, Delfino 7. Allenatore: Repesa.Trento: Martin 8, Pascolo 5, Conti ne, Browne 8, Forray 5, Sanders 4, Mezzanotte ne, Morgan 9, Williams 15, Ladurner, Lechthaler ne, Maye 17. Allenatore: Brienza.Arbitri: Mazzoni-Grigioni-Vita.Note – Tiri liberi Pesaro 15/20, Trento 13/17. Usciti per cinque falli nessuno. LEGGI TUTTO

  • in

    Basket, Cremona e Trentino vincono gli anticipi su Varese e Pesaro

    ROMA – La quarta giornata del campionato di basket di Serie A si apre con il successo della Vanoli Cremona sull’Openjobmetis Varese con un eloquente 80-67 nel primo dei due anticipi del sabato. I ragazzi di coach Galbiati prendono il largo nei primi 20 minuti di gara (47-33) per poi gestire nella seconda metà. Cremona è trascinata da 17 punti di Hommes e T.J. Williams (che mette a referto anche 9 rimbalzi), alla formazione ospite non bastano i 24 punti di Scola e i 18 di Strautins.
    SERIE A, LA CLASSIFICA
    Prima vittoria per la Trentino
    Primi punti in campionato per la Dolomiti Energia Trentino, che si impone 71-57 a Pesaro sulla Carpegna Prosciutto. La formazione di Brienza prende il largo nel primo quarto (16-8) per poi contenere la reazione di Pesaro e dilagare negli ultimi dieci minuti: Trento è trascinata da 17 punti di Maye e 15 di JaCorey Williams, nel tabellino della Carpegna Prosciutto spiccano i 15 punti di Cain.
    SERIE A, I RISULTATI LEGGI TUTTO

  • in

    Basket, Trentino corsara a Pesaro. Cremona piega Varese

    TORINO – Prima vittoria in campionato per la Dolomiti Energia Trentino, che si impone 71-57 a Pesaro sulla Carpegna Prosciutto in uno dei due anticipi della quarta giornata di Serie A. La formazione di Brienza prende il largo nel primo quarto (16-8) per poi contenere la reazione di Pesaro e dilagare negli ultimi dieci minuti: Trento è trascinata da 17 punti di Maye e 15 di JaCorey Williams, a referto, per la Carpegna Prosciutto, spiccano i 15 punti di Cain.
    SERIE A, RISULTATI
    Cremona batte Varese
    Vittoria della Vanoli Cremona sull’Openjobmetis Varese con il punteggio di 80-67. I ragazzi di coach Galbiati prendono il largo nei primi 20 minuti di gara (47-33) per poi gestire nella seconda metà. Cremona è trascinata da 17 punti di Hommes e T.J. Williams (che mette a referto anche 9 rimbalzi), alla formazione ospite non bastano i 24 punti di Scola e i 18 di Strautins.
    SERIE A, CLASSIFICA LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli-Atalanta 4-1, poker azzurro. Doppietta di Lozano, in gol Politano, Osimhen e Lammers

    NAPOLI – La goleada che non ti aspetti, perché stavolta all’Atalanta è toccata subirla e al San Paolo a dare spettacolo è stato il Napoli, che si è fatto bastare un tempo per mettere in cassaforte vittoria (4-1) e tre punti. È stata una partita senza storia, dominata anche sul piano tattico da Gattuso. Ottima la reazione degli azzurri alla sconfitta subita a tavolino con la Juve e al caos delle ultime settimane. Si è invece afflosciata di colpo la squadra di Gasperini, consolata un po’ solamente dal ritorno di Ilicic. >Un po’ partita a scacchi e un po’ guerra dei nervi, doveva essere pure questo e la sfida tra Napoli e Atalanta al San Paolo non ha tradito le attese, anche se s’è sviluppata con un canovaccio imprevisto: Gattuso all’attacco e Gasperini più attendista del solito, nonostante la piacevole novità del ritorno tra i titolari di Ilicic dopo oltre tre mesi. Fuori dalla formazione iniziale Murier e Hateboer, complice la necessità di fare turn over in vista dell’esordio nella Champions League. Scelte invece più obbligate per gli azzurri, con Insigne convalescente dopo l’infortunio muscolare e per l’indisponibilità dei due positivi: Zielinski ed Elmas. Ringhio non si è fatto però condizionare e ha puntato lo stesso sul 4-2-3-1, prendendo lo stesso l’iniziativa e senza preoccuparsi di lasciare spazio alle ripartenze dei rivali. Coraggio premiato, visto che il primo tempo si è trasformato in fretta in un monologo dei padroni di casa: trascinati dall’elegante regia di Fabian Ruiz e più tosti a centrocampo grazie al nuovo acquisto Bakayako, la cui presenza rassicurante ha consentito alle quattro punte di dar sfogo alle loro talento.Osimhen, gol e messaggio: “Stop brutalità polizia in Nigeria”Non ha invece funzionato il piano tattico di Gasperini, che ha pagato molto caro il suo attendismo ed è giunto già al tappeto al gong dell’intervallo: con la sua Atalanta travolto perfino sul piano fisico dal Napoli. L’equilibrio in campo era precario e (dopo il botta e risposta Osimhen-Gomez) è bastata la prima spallata di Lozano a far saltare il banco: tap in ravvicinato (23′) su cross di Di Lorenzo. Da quel momento in poi gli azzurri hanno cambiato fulmineamente marcia e sono così arrivati in rapida successione il gran bis personale del messicano (27′), il tris di Politano al termine di un’azione quasi da basket e l’atteso poker di Osimhen (43′), al suo primo centro in Serie A. Il centravanti nigeriano è stato una spina costante per la difesa avversaria e solo le parate di Sportiello hanno limitato un po’ i danni per la stordita formazione bergamasca, il cui unico cenno di reazione è stato un tiro di Toloi.Napoli LEGGI TUTTO

  • in

    Virtus Roma, Bucchi: “Milano più forte del campionato. Beane sta meglio”

    ROMA –  Alla vigilia della sfida fra la sua Virtus Roma e l’Exchange Milano, Piero Bucchi, allenatore dei capitolini, ha rilasciate alcune dichiarazioni in vista del match. Ecco le sue parole: “Domani andiamo a fare visita alla squadra più forte del campionato è un impegno ovviamente difficile ma dobbiamo affrontarlo con grande entusiasmo perché da partite come queste bisogna trarre gli strumenti per continuare a crescere”. Il coach ha poi continuato: “Abbiamo avuto una buona settimana di lavoro, anche se nella prima metà della stessa ci sono stati problemi a livello numerico visti gli infortunati. Ad ogni modo Robinson e Hunt hanno recuperato quasi completamente dalle distorsioni di domenica, e anche Beane sta meglio: dovrebbero essere tutti a disposizione per il match ma avremo una verifica definitiva domani mattina”. LEGGI TUTTO

  • in

    Virtus Roma, Bucchi: “Milano è la più forte del campionato”

    ROMA – Domani si giocherà la Virtus Roma – A | X Exchange Milano e alla vigilia Piero Bucchi, allenatore dei capitolini, ha rilasciate alcune dichiarazioni in vista del match. Ecco le sue parole: “Domani andiamo a fare visita alla squadra più forte del campionato è un impegno ovviamente difficile ma dobbiamo affrontarlo con grande entusiasmo perché da partite come queste bisogna trarre gli strumenti per continuare a crescere”. Il coach ha poi continuato: “Abbiamo avuto una buona settimana di lavoro, anche se nella prima metà della stessa ci sono stati problemi a livello numerico visti gli infortunati. Ad ogni modo Robinson e Hunt hanno recuperato quasi completamente dalle distorsioni di domenica, e anche Beane sta meglio: dovrebbero essere tutti a disposizione per il match ma avremo una verifica definitiva domani mattina”. LEGGI TUTTO

  • in

    Basket, Eurolega; Milano stavolta fa l'impresa: battuto il Real Madrid dopo 14 ko consecutivi

    MILANO – I tabù, come i record, sono fatti per essere sfatati. Dopo 11 anni e 14 sconfitte consecutive, Milano torna a battere il Real Madrid. Finisce 78-70 per l’Olimpia che riscatta così il primo ko stagionale di due giorni fa in casa dell’Olympiacos e torna nelle zone alte della classifica di Eurolega. Mvp il grande ex Sergio Rodriguez, autore di 25 punti e 7 assist, dall’altra parte non basta Llull che ha superato i tremila punti in carriera.Inizio tutto Real, infortunio per DelaneyL’inizio è da incubo per l’Olimpia che subisce le “bombe” dalla distanza del Real: ne segna tre consecutive Abalde, poi arriva quella di Llull a cui mancavano proprio tre punti per toccare quota 3000 in carriera. Piove sul bagnato per Milano che perde per infortunio Delaney, dolorante alla caviglia. I padroni di casa segnano appena 10 punti nel primo quarto e la musica non cambia nel secondo, quando i Blancos toccano il massimo vantaggio sul 40-28 con il tap-ìn di Tavares sull’assist di Lavrittola. La tripla di Rodriguez sulla sirena prima dell’intervallo lungo (31-42) dà un briciolo di morale alla squadra di Messina.Rimonta super dell’OlimpiaE infatti l’Olimpia che torna sul parquet dopo la pausa è un’altra squadra. La difesa prende le misure all’attacco madrinista che segna appena 13 punti nel terzo quarto, Rodriguez con una doppia tripla firma il primo vantaggio Milano (50-49), anche se a fine periodo sono ancora gli ospiti con il muso avanti (55-54). L’ultimo quarto inizia però con un super parziale di 12-2 dell’Olimpia dove sale in cattedra uno scatenato Datome, fino ad allora attore non protagonista. Al Real saltano i nervi con un tecnico a coach Laso. Shields e lo scatenato Rodriguez non sbagliano più un colpo, ma le triple di Llull e Campasso e la schiacciata di Deck riportano Madrid in partita (66-65). Qui però arriva l’allungo decisivo di Milano con le triple di Shields e Moraschini: è la mazzata definitiva per la squadra spagnola, che probabilmente all’intervallo pensava di averla già vinta. La chiosa finale è ancora del “Chacho”, impeccabile dalla lunetta con 8/8, per il 78-70. L’Olimpia così si riscatta dopo la sconfitta di mercoledì in casa dell’Olympiacos e trova la terza vittoria in 4 partite di Eurolega. Giovedì prossimo è in programma la trasferta in casa dello Zenit, impegno da non sottovalutare considerando che i russi hanno battuto fin qui Efes e Barcellona. Da valutare le condizioni di Delaney, uscito dopo pochi minuti per un problema alla caviglia che sembra serio. Intanto però il tabù Real è stato sfatato.Messina: ”Grande vittoria””E’ stata una grande vittoria, una grande rimonta, siamo partiti timidi, un po’ insicuri e poi la perdita di Malcolm Delaney dopo pochi minuti ha aumentato la pressione. Nel secondo tempo i ragazzi sono stati fantastici, a loro va tutto il credito, devono sentirsi orgogliosi di quello che hanno fatto”. Ettore Messina rende onore ai propri ragazzi dopo l’ottimo successo sul Real Madrid, dopo 14 sconfitte contro gli spagnoli. ”Nel primo tempo abbiamo difeso bene dentro, ma siamo stati un po’ lenti a recuperare sui tiratori, mentre nella ripresa siamo stati più veloci. Shields ha fatto bene. Delaney? Sembra una brutta distorsione, non so cosa pensare, aspettiamo gli esami di domani. Certo se penso che siamo senza tre dei teorici titolari”.ARMANI EXCHANGE MILANO: Rodriguez 25, Shields 19, Datome 9, Tarczewski 8, Moraschini 7, Hines 4, Roll 4, Delaney 2. All. Messina.REAL MADRID: Thompkins 15, Abalde 14, Taylor 9, Llull 8, Lavrittola 7, Tavares 6, Campazzo 5, Alocen 2, Deck 2, Garuba 2. All. Pablo Laso.Parziali: 10-19, 31-42, 54-55. Tiri liberi: 16/19 Milano, 9/10 Real Madrid. Triple 6/17 Milano, 13/30 Real Madrid. Rimbalzi: 30-38. Assist: 9-16. Usciti per cinque falli: Campasso. LEGGI TUTTO

  • in

    Eurolega, l'Armani Milano batte il tabù Real Madrid dopo 14 ko di fila

    MILANO – L’Ax Armani Milano infrange il tabù Real Madrid in Eurolega, battendo gli spagnoli, nella quarta giornata del torneo, dopo una serie di 14 sconfitte consecutive negli scontri diretti. Al Mediolanum Forum di Assago, davanti a 700 spettatori sulle gradinate, l’Olimpia di coach Ettore Messina, senza Punter e Micov, si è imposta sul Real di Pablo Laso per 78-70 dopo aver chiuso in svantaggio per 42-31 la prima metà del match. Nell’Armani Milano, protagonista di una grande rimonta nei secondi 20 minuti, spiccano i 25 punti di Sergio Rodriguez, infallibile nei tiri liberi (8 su 8), i 19 di Shields (5 su 5 dalla lunetta) e 9 di Datome. Nel Real Madrid da segnalare i 15 punti di Thompkins e 14 di Abalde. In classifica l’Armani è sesta con tre vittorie e una sconfitta mentre il Real è quindicesimo con un successo e tre ko finora. Milano tornerà in campo in Eurolega il 22 ottobre prossimo in casa dello Zenit San Pietroburgo, decimato però dai casi di Coronavirus. LEGGI TUTTO