in

Cantù resiste ma non regge: prosegue la leadership di Ortona

Di

Il Pool Libertas Cantù non riesce a battere la propria “bestia nera” perdendo 3-1 sul campo della capolista Sieco Service Ortona. I canturini, dopo aver perso i primi due set soffrendo in ricezione, riescono a portare a casa il terzo set grazie a una maggiore attenzione in difesa. Nel quarto parziale, invece, non riescono a replicare quanto di buono fatto vedere, e i tre punti vanno ai padroni di casa.

Coach Cominetti inserisce Martins Arasomwan in diagonale a Dario Monguzzi, con Mirko Baratti in regia, Raydel Poey opposto, Roberto Cominetti e Matheus Motzo schiacciatori con Matteo Maiocchi a sostituire il sardo nel corso del primo set, e Luca Butti libero. Coach Nunzio Lanci propone il suo sestetto base costituito da Matteo Pedron al palleggio, Christoph Marks opposto, Matteo Bertoli e Giuseppe Ottaviani in banda, Michele Simoni e Michael Menicali al centro, ed Alessandro Toscani libero.

Inizio match in equilibrio fino al 4 pari, poi Ortona accelera e piazza un break di 4-0 costringendo Coach Cominetti a fermare il gioco (8-4). Al rientro in campo la Sieco Service non molla e vola 13-5 al termine di un parziale di 9-1. E’ lo strappo decisivo, che i padroni di casa mantengono fino alla fine respingendo i tentativi di rimonta canturini. Chiude un attacco mani out di Marks (25-17).

A inizio secondo set tre errori consecutivi del Pool Libertas lanciano Ortona 3-0. Poey (nella foto), però, guida la riscossa canturina e segna il punto del 9 pari. Contro-break della Sieco Service per il 13-11 firmato Ottaviani. Maiocchi attacca in rete, e Coach Cominetti chiama time-out (15-12). I canturini, però, non mollano e restano attaccati nel punteggio fino all’ace di Bertoli che costringe Coach Cominetti a fermare di nuovo il gioco (21-16). Lo strappo, però, non viene ricucito in toto, e Bertoli consegna il set ai suoi (25-22).

Nel terzo set il Pool Libertas entra in campo con un altro piglio, e si lancia subito 1-5. Lentamente ma inesorabilmente il divario tra le squadre aumenta (6-13, 9-17), con il Pool Libertas che sembra avere trovato l’equilibrio giusto. Nel finale Ortona prova a ricucire, ma Astarita attacca out la palla che consegna il set agli ospiti (15-25).

Nel quarto set, però, i canturini non riescono a replicare quanto fatto vedere nel terzo parziale, e Ortona vola 7-2. Il Pool Libertas lotta palla dopo palla, prova a ricucire lo strappo, ma non riesce a riportare il punteggio in parità. Chiude set e match per i suoi un attacco di Bertoli (25-18).

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita:

SIECO SERVICE ORTONA-POOL LIBERTAS CANTU’ 3-1 (25-17, 25-22, 15-25, 25-18)
SIECO SERVICE ORTONA: Pedron 1, Marks 11, Bertoli 12, Ottaviani 18, Simoni 7, Menicali 9, Toscani (L1), Carelli, Astarita 2, Sesto. N.E.: Del Fra, Salsi, Pesare (L2). All: Lanci, 2° All: Costa (battute vincenti 8, battute sbagliate 10, muri 7).
POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti , Poey 20, Cominetti 15, Motzo, Monguzzi 6, Arasomwan 7, Butti (L1), Regattieri, Maiocchi 8, Gasparini, Mazza 1. NE: Suraci, Frattini, Rudi (L2). All: Cominetti, 2° All: Redaelli (battute vincenti 3, battute sbagliate 18, muri 9).
Arbitri: Marco Riccardo Zingaro (Foggia) e Pierpaolo Di Bari (Brindisi)

L’articolo Cantù resiste ma non regge: prosegue la leadership di Ortona proviene da Volley News.


Fonte: http://www.volleynews.it/feed/

Una Van Hecke devastante non basta: Chieri a poco a poco riduce la resistenza di Cuneo

WTA Finals: i risultati con il dettaglio delle Finali