in

A Piacenza serve una maratona per festeggiare la prima vittoria. Nelli infortunato

Foto You Energy Volley

Di

Ed è vittoria al tie break per la Gas Sales Piacenza, la prima della stagione. Due squadre con fame di vittoria, ma due percorsi altamente diversi: Piacenza aveva già affrontato due delle grandi di Superlega (Modena e Civitanova) e aveva portato a casa il primo punto nella maratona contro Verona. Invece la Tonno Callipo Vibo Valentia aveva una partita in meno, avendo goduto della sua giornata di riposo, e due sconfitte con Padova e Trento, ma tutte e due squadre erano orfane di vittorie e con uno stesso obiettivo: la salvezza, sempre con un occhio ai play off.

Nel primo parziale le squadre partono imprecise, errori in battuta e attacchi non concreti. Ma è Stankovic, l’MVP della serata, che sveglia i suoi ragazzi e li porta al primo tempo tecnico in vantaggio (8-4). Piacenza si mantiene avanti con un contrattacco efficiente di Nelli e Stankovic (5 punti, 100% attacco) e un ottimo lavoro in ricezione (64%). Cichello chiama il time out e cerca di riordinare la squadra. Però i biancorossi rispondono con un attacco letale ancora con gli stessi protagonisti. Doppio cambio per quelli di Gardini (Paris per Cavanna e Fei per Nelli) e Cichello fa lo stesso nel punto successivo. Funziona meglio per Vibo che inizia a risalire (20-14), ma comunque Piacenza è più precisa ed efficace. Le sostituzioni generano ancora una volta problemi: l’arbitro ha qualche dubbio e il cambio dura più di 3 minuti. Una sosta che da un po’ di ossigeno ai calabresi che riducono ancora le distanze (23-17), ma il vantaggio è incolmabile, e sono i padroni di casa a vincere il primo set per 25-18 dopo una battuta che finisce fuori da parte degli ospiti.

Piacenza comincia ancora in vantaggio di due punti (4-2) nel secondo set, allungando (11-5) grazie a un servizio letale di Kooy e Stankovic (6 aces totali di squadra). Vibo risponde con Defalco e Aboubacar dagli estremi e al centro con Mengozzi. Le due squadre si mostrano molto discontinue, però i biancorossi sono sempre avanti (19-16). In zona finale Nelli al servizio è implacabile con 3 aces di seguito, Berger si procura il set point e lo firma Kooy per il 25-18.

Inizia il terzo parziale con un incidente, Nelli esce dal campo per una presunta lesione al ginocchio e Fei (che entra al suo posto) non perdona. In quanto al gioco, inizia equilibrato con i padroni di casa che puntano al contrattacco con una ricezione ottima e Vibo che si affida a Defalco. Per prima volta i calabresi riescono a pareggiare sul 6-6 per portarsi poi in vantaggio di due (6-8) con Mengozzi e Defalco. I piacentini con Krsmanovic e Fei rimangono a tiro, però è Vibo chi si mostra piena dominatrice del gioco (10-13) con un Hirsch infuriato. Gardini si fida di Botto, che rientra dopo il suo problema muscolare (che l’aveva lasciato fuori durante il riscaldamento contro Modena). I biancorossi recuperano (13-14) e Cichello chiama il tempo tecnico, ma il set torna in equilibrio, perché Stankovic pareggia in 14. Alla volata finale però arriva meglio Vibo 17-20, Defalco spinge i suoi e Kooy gli dà una mano con una battuta in rete. Ma è Krsmanovic a sbagliare un’altra battuta e regolare il set agli ospiti per 20-25.

Al quarto Piacenza inizia meglio (4-2), con una spinta proprio di chi vuole guadagnare la vittoria, e con un lavoro a muro importante che dimostra la superiorità e l’esperienza in campo (8-5). Però i calabresi non si arrendono e pareggiano sull’8-8. Piacenza torna a sbagliare e Gardini chiama il tempo tecnico (9-10). Defalco e compagnia ribaltano la situazione e superano i padroni di casa per 4 punti (9-13). Ma Piacenza è ancora quella che ha iniziato questo set e recupera con Stankovic e Fei (9 punti) pareggiando a quota 17. Vibo torna in vantaggio e arriva nuovamente meglio alla volata finale (19-21). Emozionante finale di set, con errori da entrambi lati e panchine che si accendono. Siamo pari 23. Defalco dà il set point ai suoi e Kooy (7 punti) lo annulla. Kooy va per il match point, palla di battuta out (confermata dal check) e da qui si sprecano tante possibilità di chiusura per i piacentini e di andare al tie break per i calabresi. Tutti i due bravi in contrattacco, ma quando è il momento di difendere appaiono le distrazioni. Un mani out conferma il 38-36 per Vibo, ed è tie break.

Squadre esauste dopo più di due ore e venti di gioco, però Stankovic rimane più che vivo e fa due ace consecutivi per mettere i suoi avanti 4-1. Vibo risponde ancora con Hirsch e Mengozzi. Cavanna fa una magia e Kooy lo imita, Piacenza è avanti 6-3. Al cambio campo sono i padroni di casa che arrivano meglio, 8-5. Vibo è tesa e soffre con una ricezione poco efficace, l’allenatore Cichello cerca di calmare i suoi, ma i biancorossi aumentano ancora il divario. La tensione però passa anche sul campo piacentino: cartellino rosso per Krsmanovic per aver buttato una palla fuori dal campo e punto regalato a Vibo (10-7). Fei tranquillizza i suoi, Kooy ferisce dagli estremi e Stankovic è inarrestabile al servizio. Sono 4 match point per Piacenza. Hirsch manda la sua battuta in rete per dare il 15-10 finale dopo 2 ore e 50 minuti di gioco.

Così l’allenatore di Vibo Juan Manuel Cichello: “”.

Gas Sales Piacenza-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-2 (25-18, 25-18, 20-25, 36-38, 15-10)
Gas Sales Piacenza: Cavanna 6, Stankovic 18, Kooy 20, Berger 14, Nelli 9, Krsmanovic 12, Scanferla (L), Fei 14, Paris 0, Copelli, Yudin, Botto. N.E. Tondo. All: Gardini.
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Mengozzi 7, Aboubacar 4,  Baranowicz 1, Carle 1, Chinenyeze 14, Defalco 21, Marsili, Ngapeth 6, Rizzo, Hirsch 18, Vitelli, Sardelli. All. Cichello.


Fonte: http://www.volleynews.it/feed/

Serie A3 maschile, risultati, classifica e prossimo turno

La Tinet Gori Wines Prata rompe il ghiaccio: arriva la prima vittoria