in

NBA: Celtics show a Golden State, cadono Portland e OKC

ROMA – Lo spettacolo dei Boston Celtics spegne la magia dei Golden State Warriors che si arrendono in casa 128-95. Nella notte italiana in NBA, cadono le grandi a Ovest. I Minnesota Timberwolves piegano 131-120 gli Oklahoma City Thunder, i Portland Trail Blazers non ne approfittano per salire al terzo posto: vincono i Memphis Grizzlies 120-111.

LO SHOW DEI CELTICS – I Celtics segnano 73 punti nei primi due quarti e aprono al meglio una striscia di quattro trasferte consecutive a ovest. Gordon Hayward firma 19 dei suoi 30 punti nel primo tempo. I Celtics, che tirano col 51% dal campo e arrivano all’intervallo lungo sopra di 25, completano la seconda vittoria esterna più larga della stagione dopo il 133-77 a Chicago lo scorso dicembre. Senza Clay Thompson, infortunato al ginocchio destro, Golden State incassa la quinta sconfitta interna con più di venti punti di scarto in stagione nonostante i 23 punti di Stephen Curry.

VINCONO I ROCKETS – Gli Houston Rockets allungano a sei la serie di vittorie e restano in zona play off a Ovest grazie ai 35 punti di James Harden e ai 18 di Gerald Green. Houston, che ha sprecato anche un vantaggio di 22 punti maturato nel secondo quarto, chiude 107-95. I Raptors, avanti di due punti all’inizio dell’ultimo periodo, escono sconfitti per la seconda volta su due quest’anno contro Houston nonostante i 26 punti di Kawhi Leonard e i 17 di Pascal Siakam con 10 rimbalzi.

TOWNS TRASCINA MINNESOTA – Terza sconfitta su tre in stagione per gli Oklahoma City Thunder contro i Minnesota Timberwolves che chiudono 131-120 con 41 punti di Karl-Anthony Towns. Minnesota prende il controllo del match alla fine del primo quarto e interrompe una serie di tre sconfitte consecutive. I Timberwolves, col contributo di Russell Westbrook che mette a referto 38 punti e 13 rimbalzi, centrano il quarto successo interno di fila. Oklahoma, invece, incassa la sesta sconfitta nelle ultime otto partite. Paul George, che aveva saltato le ultime tre gare per un problema alla spalla, rientra e chiude con 25 punti (8/25 dal campo e 4/14 da tre).

CONLEY FA 40 A MEMPHIS – Il career-high di Mike Conley, che completa una prestazione da 40 punti, illumina il 120-111 dei Memphis Grizzlies sui Portland Trail Blazers. Conley chiude con sei triple realizzate su sette e 19 punti segnati solo nell’ultimo quarto. Memphis, che tira meglio da tre (13/27 di squadra) centra la terza vittoria nelle ultime nove partite. I Trail Blazers, alla seconda sconfitta in una serie di sette trasferte consecutive, pagano il 9/29 da tre. Non bastano i 27 punti di CJ McCollum, i 24 Damian Lillard, i 20 di Maurice Harkless che si regala il season-best.

PACERS, 4 SU 4 SUI BULLS – Era da dal 2001-02 che gli Indiana Pacers non battevano quattro volte i Chicago Bulls in regular reason. I Pacers vincono 105-96 con 27 punti di Bojan Bogdanovic, 22 di Darren Collison e la doppia doppia di Myles Turner (10 punti e 11 rimbalzi), che firma il career-high con sette stoppate. Zach Levine, autore della schiacciata per il sorpasso (85-86) dei Bulls a metà dell’ultimo quarto, segna 27 punti. Robin Lopez chiude a quota 20, e Lauri Markkanen firma la sesta doppia doppia nelle ultime sette partite con 14 punti e 13 rimbalzi.

REDDICK SPINGE I 76ERS – I Philadelphia 76ers superano gli Orlando Magic 114-106 con 26 punti di JJ Redick, alla 23a partita sopra i 20 in stagione. I Sixers, ancora senza Joel Embiid che ha saltato la sesta gara di fila per un problema al ginocchio sinistro, hanno meno rotazioni. Spiccano però i 21 punti di Tobias Harris e i 16 di Ben Simmons, entrambi in doppia doppia. Evan Fournier, top scorer dei Magic, chiude con 25 punti, Aaron Gordon ne aggiunge 24.


Fonte: http://www.tuttosport.com/


Tagcloud:

NBA, Gallinari guida i Clippers al successo nel derby contro i Lakers

Doppietta italiana in Europe Cup: vincono Varese e Sassari