in

Buonavita in Tunisia, allenerà a Cartagine: “Squadra all’avanguardia, sono molto curioso di iniziare�

Foto: Ufficio Stampa SAB Volley

Di Redazione

Come riporta Samantha Pini su La Prealpina di oggi, Eraldo Buonavita si trasferisce in Tunisia dove allenerà il Club Feminin de Carthage.

Il tecnico originario di Borgomanero ha infatti accettato l’offerta dell’ambiziosa formazione che da sei anni domina il campionato femminile tunisino. «Roberto Di Maio, lo scoutman che avevo nel maschile a Monza, ha creato il contatto con la dirigenza della società – racconta proprio Eraldo Buonavita – Ho inviato loro il mio curriculum e mi hanno scelto tra un ricco ventaglio di candidati».

Il coach, che nella scorsa stagione è subentrato ad Andrea Pistola alla guida della Sab Legnano, ha firmato un contratto di un anno con opzione per il secondo. «Si è presentata l’occasione e alla fine ho accettato – prosegue – Nei due giorni trascorsi a Cartagine l’impressione che ho avuto è stata buona: l’organizzazione è ottima e la società
è composta da persone molto in gamba».

Buonavita approda al CFC con il compito di arricchire ulteriormente la bacheca del team tunisino, tornando a vincere la Coppa d’Africa per club dopo il successo del 2017 e la finale persa quest’anno. «La Coppa si disputerà tra i mesi di febbraio e marzo del 2019 – precisa il tecnico che lascia la Scuola del volley di Varese – Per evitare trasferimenti lunghi e dispendiosi, tutte le partite si giocheranno nel giro di due settimane in unica sede. Prima di affrontarla faremo uno stage di lavoro in Italia, mentre il campionato prenderà il via a metà ottobre».

Buonavita supervisionerà dall’Italia la prima fase di preparazione, per poi raggiungere la sua nuova squadra il 23 agosto. «Il CFC è il club più all’avanguardia tra le squadre africane – chiude il coach – In rosa ci sono molte giocatrici Under 23 che fanno parte della Nazionale tunisina; sono davvero molto curioso di iniziare».

(Fonte: La Prealpina)

Più sicurezza e più premi con Opel Check and Smile

Minardi M191B Lamborghini, il ritorno in pista dopo 26 anni