Tennis, Australian Open: Seppi e Fabbiano al terzo turno, ok Federer e Nadal

MELBOURNE – Andreas Seppi e Thomas Fabbiano volano al terzo turno degli Australian Open, prima prova stagionale del Grande Slam, in corso sui campi in cemento del Melbourne Park. Prosegue l’ottimo momento dell’altoatesino che, dopo la finale di Sydney, ha sconfitto agevolmente al secondo turno l’australiano Jordan Thompson, numero 72 del ranking mondiale, per 6-3, 6-4, 6-4 in un’ora e 54 minuti. Seppi al terzo turno troverà il Next Gen statunitense Frances Tiafoe, numero 39 del ranking mondiale, che ha eliminato per 4-6, 6-4, 6-4, 7-5 il sudafricano Kevin Anderson, numero 6 Atp e quinta testa di serie, finalista agli US Open 2017 e a Wimbledon 2018, dolorante al braccio destro.

SEGRETO E’ DURO LAVORO – “Oggi era importante vincere in tre set senza sprecare troppe energie – le parole di Seppi che in Australia si esalta sempre -. Non c’è nessun segreto, solo la continuità, un lavoro fatto bene alla base, prevenzione degli infortuni e tanto impegno. Bisogna avere sempre voglia di sacrificarsi, senza mai accontentarsi e mentalmente bisogna essere pronti ad affrontare qualsiasi situazione. Non è facile”. Prossimo avversario Frances Tiafoe. “Non ci ho mai giocato contro, mi ci sono solo allenato qualche anno fa quando era ancora più giovane. Certo se ha battuto Anderson significa che sta giocando molto bene. E poi a quell’età è tutto bello, pensi poco e non ti metti pressione – ricorda Seppi -. Quella arriverà per lui tra qualche anno, magari quando a 22, 23 ti poni qualche traguardo in più”.

FABBIANO, SOGNO AUSTRALIANO – Thomas Fabbiano, numero 102 Atp, alla terza partecipazione al Major australiano dove non aveva mai superato il primo turno (nel 2017 passò le qualificazioni e cedette a Young, lo scorso anno disco rosso con Alexander Zverev), questa volta si è imposto per 6-7(15), 6-2, 6-4, 3-6, 7-6(10-5), dopo tre ore e 32 minuti, sullo statunitense Reilly Opelka (2 metri e 11 centimetri), numero 97 del ranking mondiale, che a sorpresa si era aggiudicato il derby tra giganti contro il connazionale John Isner, numero 10 Atp e nona testa di serie.

CUORE TRAVAGLIA, MA NON BASTA – Fuori con onore, invece, Stefano Travaglia. Partito dalle qualificazioni, i suoi Australian Open si sono conclusi al secondo turno contro Nikolaz Basilashvili, numero 20 Atp e testa di serie numero 19: 3-6, 6-3, 3-6, 6-4, 6-3 per il 26enne georgiano. “Peccato, perché c’è mancato davvero poco – ammette l’azzurro -, sono stato avanti due set a uno e nel quarto abbiamo avuto entrambi alti e bassi, si è alzato un vento molto forte e le condizioni sono totalmente cambiate. Nei momenti in cui sono andato sotto ho sempre avuto una buona reazione riuscendo a recuperare il break di svantaggio. Questo vuol dire che in campo ho fatto il mio e questo mi fa essere ottimista per il prosieguo della stagione, al di là della sconfitta di oggi che comunque brucia. Anche se contro il numero 20 del mondo”.

OK FEDERER, NADAL, CILIC E TSITSIPAS – Qualche problemino di troppo per Roger Federer, numero 3 del mondo, che accede al terzo turno battendo 7-6(5), 7-6(4), 6-3, in due ore e 35 minuti, il britannico Daniel Evans, numero 189 Atp, proveniente dalle qualificazioni. Prossimo avversario lo statunitense Taylor Fritz, numero 50 Atp, che ha eliminato il francese Gaël Monfils, numero 33, in quattro set: 6-3, 6-7(8), 7-6(6), 7-6(5). Anche Rafael Nadal accede al terzo turno dell’Australian Open. Lo spagnolo, numero 2 del mondo e seconda testa di serie, ha battuto senza problemi l’australiano Matthew Ebden, numero 47 della classifica mondiale, con il punteggio di 6-3, 6-2, 6-2 in un’ora e 58 minuti.

Avanti anche Marin Cilic, sesta testa di serie. Il croato, finalista lo scorso anno, ha superato per 7-5, 6-7(7), 6-4, 6-4 l’americano McKenzie McDonald, numero 79 Atp, e si giocherà un posto negli ottavi con lo spagnolo Fernando Verdasco, numero 28, che ha battuto il moldavo Radu Albot, numero 96 Atp, in tre set. Supera il turno anche Stefanos Tsitsipas, numero 14 del seeding, che ha sconfitto in 4 set il serbo Viktor Troicki con il punteggio di 6-3, 2-6, 6-2, 7-5.

AVANTI WOZNIACKI, KERBER E SHARAPOVA. OUT BERTENS – Nel tabellone femminile la campionessa in carica Caroline Wozniacki, numero 3 del mondo e del seeding, si qualifica al terzo turno superando la svedese Johanna Larsson, numero 75 del ranking Wta, per 6-1, 6-3 in un’ora e 6 minuti. In scioltezza anche Angelique Kerber, numero 2 del mondo, contro la brasiliana Beatriz Haddad Maia, numero 176 del ranking Wta e proveniente dalle qualificazioni, battuta con il punteggio di 6-2, 6-3, in un’ora e 21 minuti. Avanza al terzo turno anche Maria Sharapova che ha regolato per 6-2 6-1, in un’ora ed undici minuti, la svedese Rebecca Peterson, numero 64 Wta. Bene anche la ceca Petra Kvitova, numero 8 del mondo e del seeding, che sconfigge la romena Irina Camelia Begu, numero 76 Wta, per 6-1, 6-3 in un’ora e nove minuti. Eliminata, invece, l’olandese Kiki Bertens, numero 9 del mondo e del draw, che cede alla russa Anastasia Pavlyuchenkova, numero 42 Wta, con il punteggio di 3-6, 6-3, 6-3 in un’ora e 48 minuti.


Fonte: http://www.repubblica.it/sport

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta